L’Itis Pentasuglia capofila del progetto Comenius

Matera. Otto redazioni nazionali, composte da studenti di altrettanti paesi europei, Italia, Grecia, Francia, Turchia, Repubblica Slovacca, Lettonia, Polonia e Bulgaria, impegnate nella realizzazione del periodico multilingue “Voice of Teens”; si tratta di un progetto europeo di cooperazione educativa, “Comenius”, nell’ambito del più ampio programma europeo LLP – Lifelong Learning Program. A Svolgere il ruolo di coordinatore degli altri paesi partner è stato l’Itis “Pentasuglia” di Matera che dal primo al 5 maggio a conclusione del progetto, finanziato dall’Unione Europea con circa 20.000 euro per ciascun paese partecipante, ha ospitato circa quaranta tra docenti e studenti coinvolti. L’Istituto Tecnico Industriale “Pentasuglia” oltre alle attività giornalistiche, si è occupato di fornire supporto logistico ed informatico alla divulgazione del giornale. Oltre ai propri server internet, la scuola ha messo a disposizione le infrastrutture informatiche necessarie affinché gli articoli potessero essere raccolti, revisionati e organizzati in formato elettronico. Il giornale è stato poi stampato in lingua inglese, in ciascuno dei paesi partecipanti. Il responsabile del progetto è stato il professor Antonio Epifania che ha sottolineato come  l’iniziativa proposta “abbia incentivato la cooperazione transnazionale”; l’organizzazione e la gestione delle attività affidate ai ragazzi, invece,  sono state coordinate dalle docenti Mariella Vaccaro e Maristella Saponaro.  “Una esperienza – ha sottolineato –  il dirigente scolastico Antonio Bonamassa – che il nostro Istituto porta avanti dalla fine degli anni ’90, quando la Comunità Europea pubblicò per la prima volta questo tipo di bando. L’Itis “Pentasuglia”, con il proprio staff docente e i propri studenti, è fermamente convinto che siano questi i percorsi chiave per motivare i ragazzi a imparare la lingua e a vivere nel segno del confronto e della responsabilità.”

 

Share Button