Presidio di fronte alla portineria C: “L’azienda da agosto ha bloccato i pagamenti”
Le aziende di autotrasporto dell’indotto ex Ilva aderenti a Sna Casartigiani hanno avviato lo sciopero della categoria con presidio presso la portineria C, varco di ingresso ovest e varco di ingresso merci dello stabilimento siderurgico di Taranto. La mobilitazione, viene spiegato, proseguirà “fino al pagamento di tutte le fatture emesse e avendo rassicurazioni sul futuro con azioni precise da parte del governo italiano a tutela del settore”. Gli autotrasportatori si sono uniti alle aziende iscritte alle altre associazioni di categoria dell’indotto che sono in presidio dalle 6 di questa mattina davanti alla portineria C. Sna Casartigiani precisa che “Arcelormittal ha bloccato i pagamenti delle fatture dei servizi di autotrasporto, dei mesi di agosto e settembre 2019 inoltre sono in scadenza quelle di ottobre 2019 e che la stessa azienda è stata messa in mora, ma alla data attuale le aziende non hanno avuto riscontro”. Le aziende dell’indotto di autotrasporto “che hanno come cliente principale Arcelormittal Italia – aggiunge Casartigiani – sono impossibilitate a rispettare le scadenze tributarie, fiscali e previdenziali in scadenza visto il mancato incasso delle fatture”.