Capodanno Rai, ancora polemiche. Cupparo: “la Rai promette produzioni nel Metapontino a primavera”

Proseguono, le polemiche, a seguito della decisione della Regione Basilicata, di organizzare, a Potenza, il noto evento che ogni anno Rai 1 trasmette in diretta la notte di San Silvestro accompagnando i telespettatori fino ad anno nuovo, intitolato “L’anno che verrà”.

Ad insorgere, in questo caso, i cittadini del Metapontino che già nei mesi scorsi, costituendosi nel comitato Metarsiris ed insieme alle Amministrazioni, avevano fatto istanza di candidatura per un evento che tanta visibilità porta ai territori e che, negli passati, già è stato ospitato da Maratea, 2 volte a Matera e 1 a Potenza.

“Questa per noi non è una battaglia di campanile – dicono – né uno sgarbo istituzionale alla città di Potenza, ma è semplicemente la legittima reazione degli Amministratori all’ennesima prova di quanto questo Governo Regionale, (di centro destra n.d.r.), sia lontano dalle esigenze di una zona dal potenziale di sviluppo turistico ed agricolo elevato. 

Ragioni, queste, che, nel dettaglio – verranno esposte in una Conferenza stampa martedì 5 novembre alle ore 17.30.

Ad intervenire, con una nota, in mattinata, l’assessore alle attività produttive della Regione Basilicata, Francesco Cupparo, il quale crede sia necessario abbassare i toni. Ho ritenuto, e lo confermo, che il Metapontino, al pari del Vulture-Melfese, abbia tutte le carte in regola per seguire le esperienze già realizzate. Se tecnici e programmatori Rai hanno stabilito che le aree archeologiche di Metaponto, di Venosa ed il suo parco non assolvono a loro specifiche richieste ci saranno pure valide motivazioni che nessuno di noi, e tanto meno la Giunta Regionale, è in grado di contraddire.

Comunque – fa sapere – secondo quanto ci viene confermato dall’Apt – la Rai ha manifestato l’interesse a prevedere già dalla prossima primavera produzioni di spettacolo dalle aree archeologiche di Metaponto.

Non può che lasciarci “basiti” – sottolinea – il tentativo di far diventare questa vicenda una sorta di prova d’esame dell’atteggiamento, in questi pochi primi mesi, della Giunta Regionale nei confronti del Metapontino. Nel frattempo il consigliere regionale di centrosinistra Luca Braia bolla come strabismo politico l’atteggiamento della Giunta regionale con oggetto e propone in una mozione di rinnovare la convenzione Rai e rifinanziare la fondazione verso una operazione Matera 2029.

Intanto ieri da Venosa, nell’ambito del 74 esimo congresso di assoenologi, la sindaca pentastellata Marianna Iovanni ha parlato di terza occasione mancata per Venosa e brinda ironicamente al presidente Bardi con un “Nunc est bibendum”

Share Button