Taranto, picchiava la madre per denaro. Arrestato un 17enne

Seguendo le orme di suo padre, già in carcere per maltrattamenti in famiglia, ha costretto sua madre a subire vessazioni fisiche (spintoni e calci dovuti a non soddisfatte richieste di denaro) e psichiche (mortificazioni ed insofferenza ad ogni richiamo educativo). Per questo un 17enne di Taranto è stato arrestato dalla Squadra Mobile della Questura di e collocato in comunità in esecuzione di un provvedimento emesso dal gip del Tribunale per i Minorenni Ciro Fiore su richiesta del sostituto procuratore Lelio Festa.

E’ accusato di maltrattamenti e tentata estorsione. La donna ha riferito agli agenti di avere subito vessazioni nel corso degli anni, quasi sempre in occasione del rifiuto opposto alle continue richieste di denaro. In qualche circostanza questi comportamenti hanno costretto la donna a non tornare a casa e a trascorrere le notte presso l’abitazione dei suoceri. Altri fratelli minori, rientrati nella comunità educativa in cui si trovano da tempo, dopo aver festeggiato a casa la “festa della mamma”, hanno riferito di una aggressione violenta del 17enne ai danni della madre, picchiata per il rifiuto opposto a un’ennesima richiesta di denaro.