- trmtv - http://www.trmtv.it/home -

Taranto. Unanime cordoglio per il Vigile del fuoco morto sul lavoro

Sono tanti i messaggi che in queste ore sono dedicati al Vigile del Fuoco Antonio Dell’Anna vittima di un tragico incidente mentre era in servizio a San Giorgio Jonico nel tarantino.

Il Dipartimento ed il Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco piangono la sua scomparsa “Mi stringo affettuosamente al giovane figlio, agli anziani genitori e alla famiglia tutta, così duramente colpiti, partecipando al loro immenso dolore, che è il dolore di tutti i Vigili del Fuoco”, ha detto il capo Dipartimento dei vigili del fuoco, Salvatore Mulas.

“Assicuro la vicinanza e il sostegno” ha aggiunto “del Dipartimento con ogni forma di iniziativa possibile, stringendomi con tanto affetto ai familiari e all’intero Comando di Taranto, cui va la piùTaranto incidente vigile del fuoco San Giorgio Jonico sentita vicinanza e solidarietà”.

Dolore espresso anche dal capo del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco Fabio Dattilo, che ha seguito il drammatico sviluppo della situazione: “Tutti i Vigili del fuoco siamo vicini alla famiglia del nostro Antonio e ai colleghi di Taranto in questo momento doloroso”, ha riferito Dattilo.

Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci ha scritto una nota al Comandante dei Vigili del Fuoco per esprimere il suo cordoglio: “La notizia del tragico decesso del Vigile del Fuoco Antonio Dell’Anna, ha scosso le coscienze di noi tutti. Morire nel mentre si compie il proprio dovere ed in aiuto delle comunità, come accade sempre nel quotidiano impegno dei VVF, segna ancor più profondamente i nostri sentimenti”.

“Non ci sono parole per descrivere i sensi di partecipazione al dolore della famiglia e della grande e generosa ‘famiglia’ degli appartenenti al Corpo dei Vigili del Fuoco” ha aggiunto Melucci “pronti a soccorrere le comunità ed i cittadini in caso di bisogno, anche a rischio della propria incolumità, come è purtroppo accaduto, per il povero Antonio”.

“Il nostro auspicio come comunità tarantina” scrive ancora il primo cittadino di Taranto “è quello che incidenti tragici come quelli di stanotte non abbiano più a verificarsi, soprattutto nella suprema esigenza che non si verifichino decessi sia per i salvatori che per quanti chiedono soccorso. Ed è con questi sentimenti di profonda vicinanza” ha concluso Melucci “che La prego di testimoniare all’intero Corpo dei Vigili del Fuoco tutte le più sentite espressioni di cordoglio ed affetto, mio personale e dell’intera Città, in questo particolare momento di dolore che state, anzi stiamo, vivendo per la tragica ed assurda scomparsa di Antonio”.

In una nota anche il segretario provinciale del PD di Taranto Giampiero Mancarelli ha espresso “anche a nome dei democratici jonici il nostro cordoglio e la nostra vicinanza alla famiglia Dell’Anna e a tutto il corpo dei Vigili del Fuoco”.

Una dichiarazione alla stampa è stata inoltrata dai segretari della Cgil e dalla Funzione Pubblica dello stesso sindacato tarantino, rispettivamente, Paolo Peluso e Cosimo Sardelli: ”Una settimana fa raccontavamo alla stampa locale” scrivono in una nota congiunta “che le condizioni di lavoro dei Vigili del Fuoco, e di quelli di Taranto in particolare, erano disastrose. Oggi un fatto di cronaca ci costringe tristemente alla ragione. Ragione che non avremmo voluto si annunciasse così, con il lutto, che oggi segna la fine di un’altra vita”.

“Antonio” proseguono Peluso e Sardelli “metteva tutti i giorni a repentaglio la sua vita per uno stipendio che gli consentiva di vivere dignitosamente ma che non gli consentiva di veder riconosciute le peculiarità di un lavoro eternamente sotto rischi: nessuna copertura INAIL, turni di lavoro difficili, e mezzi vetusti. Ora la battaglia per la dignità di questi lavoratori del soccorso per noi si fa ancora più forte. Lo dobbiamo ad Antonio, alla sua famiglia, e a tutti i vigili del fuoco italiani”.

Share Button