Brindisi, arrestati per corruzione sindaco di San Pietro Vernotico e suo predecessore

Avrebbero portato consapevolmente al fallimento la società di riscossione tributi dell’amministrazione comunale: soldi soldi versati dai cittadini poi spariti nelle tasche di funzionari pubblici. La bufera si è abbattuta sul Comune di San Pietro Vernotico, coinvolgendo l’attuale sindaco Pasquale Rizzo, il suo predecessore, Maurizio Renna ed ancora l’ex presidente del consiglio di amministrazione della società partecipata di riscossione tributi Fiscalità locale Srl, Luigi Conte, verso i quali la Guardia di finanza ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. I tre sono accusati a vario titolo di corruzione, turbativa d’asta, peculato e furto. L’Interdizione dall’esercizio del pubblico ufficio per un anno è stata invece disposta per Cosimo Delle Donne, dipendente del Comune di San Pietro. Mentre il sequestro per equivalente di denaro e beni per un ammontare di 200mila euro è stato disposto nei confronti di sei indagati: Luigi Conte, Roberto Chiechi, Maurizio Renna, Cosimo Delle Donne, Pietro Caputo eLuca Cocciolo. Indagati anche Giovanni Verdura, nella qualità di presidente del consiglio di amministrazione di Fiscalità Locale, e Angelo Caforio, nella qualità di presidente del collegio dei revisori, nonché l’imprenditore Pietro Caputo e la dipendente comunale Maria Mariano. Le indagini, coordinate dalla Procura di Brindisi, hanno riguardato, nello specifico, presunte irregolarità nella gestione ordinaria di Fiscalità Locale, anche e soprattutto con riferimento ad alcune vicende societarie che hanno poi condotto la stessa società partecipata prima alla liquidazione e successivamente al suo fallimento. Ulteriori sviluppi investigativi hanno, invece, interessato l’affidamento di lavori pubblici a ditte vicine all’amministrazione comunale, previa indizione di gare sostanzialmente fittizie, e i furti (e tentativi di furti) posti in essere all’interno del Comune di San Pietro Vernotico, come il furto di tre quadri e della fascia tricolore dall’ufficio del sindaco, commessi nel luglio 2017.

Share Button