Collepasso (Le), uccide il padre cospargendolo di alcol e dandogli fuoco: arrestato 48enne

Carabinieri notturna Salandra notte“Stavamo litigando come spesso accadeva. Mi ha cacciato via, mi ha detto di andarmene da casa come era solito dirmi da tempo. Eravamo in cucina dove lui si stava preparando il pranzo. Avevo in mano una bottiglietta di alcol con la quale mi stavo disinfettando una ferita e quando mi ha detto così gli ho spruzzato l’alcol addosso. Poi ho visto subito il fuoco”. E’ questo il passaggio più significativo dell’interrogatorio durante il quale la notte scorsa Vittorio Leo, arrestato per omicidio volontario aggravato, ha ricostruito le fasi della morte dell’anziano padre, Antonio, avvenuto a Collepasso, nel Leccese. Dopo aver preso fuoco, l’89enne sarebbe corso in bagno per raggiungere la doccia nel disperato tentativo di spegnere le fiamme che lo avvolgevano. L’uomo, Vittorio Leo, di 48 anni, ora tratto in arresto, è titolare di un’agenzia immobiliare e davanti al magistrato inquirente Luigi Mastroniani e alla presenza del proprio legale difensore, ha detto di aver ucciso il padre durante un acceso diverbio. Antonio Leo, insegnante in pensione e vedovo,  era stato trovato privo di vita e con il corpo ricoperto da ustioni nella sua abitazione a pochi metri dalla caserma dei carabinieri. A chiamare i militari era stato lo stesso figlio della vittima. Dalle prime indagini i militari avrebbero immediatamente compreso che si trattava di omicidio, concentrando i sospetti proprio sul figlio Vittorio, che dopo alcune ore di interrogatorio è crollato, confessando il delitto. Ancora sotto choc, il 48enne ha reso dichiarazioni piene di “non ricordo” e di continui riferimenti al “panico” vissuto. Al pm ha spiegato di aver spruzzato il padre con l’alcol e di aver visto subito dopo una fiammata levarsi dal fornello della cucina, che era accesso. Il tutto sotto lo sguardo impietrito del figlio che ha poi riferito di aver atteso delle ore prima di chiamare i carabinieri perché indeciso sul da farsi e di aver nel frattempo pulito tutta la casa in attesa di chiamare i militari. “Un modo per scaricare lo stress accumulato”, avrebbe detto giustificandosi.

Share Button