Modugno, colpita piazza di spaccio di droga: in 32 in manette.

Gli arrestati sono vicini ai clan Capriati e Diomede. “Si spacciava anche di fronte alle scuole”

Famiglie intere dedite allo spaccio di droga, con un’organizzazione capillare che prevedeva ruoli precisi e sanzioni in caso di “sgarro”. Era un sistema vero e proprio quello smantellato a Modugno dai Carabinieri del Comando Provinciale di Bari insieme ai Cacciatori di Amendola e al nucleo Cinofili, che ha portato all’arresto di 32 persone, 26 in carcere e sei ai domiciliari. Lo spaccio avveniva anche di fronte a una scuola elementare. Almeno cinque i minori coinvolti nell’indagine, avviata nel 2014, di cui tre nel frattempo diventati maggiorenni. Il coinvolgimento delle famiglie ha portato anche per la prima volta a Bari a procedure di tutela dei minori con entrambi i genitori messi in carcere.

 

Share Button