Armi e droga nel Gargano: smantellato gruppo criminale. Sette gli arresti

Rifornivano di armi e droga numerosi pregiudicati del Gargano, nella zona tra Peschici e Vieste. Un giro d’affari di circa 100mila euro mensili. Sette le persone arrestate dai Carabinieri, che hanno quindi smantellato il gruppo criminale che operava nel Foggiano. Nell’ambito delle indagini, definite lampo dagli inquirenti, sono stati sequestrati anche diversi quantitativi di stupefacenti ed armi. I sette, tre in carcere e quattro ai domiciliari, devono rispondere, a vario titolo, di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto abusivo di armi, ricettazione e furto. Dalle indagini dei carabinieri è emerso che i fratelli Christian e Domenico Pio Di Milo gestivano lo spaccio di cocaina, hashish e marijuana a Peschici; mentre a Vieste operava Giovanni Surano, ritenuto dagli inquirenti vicino al boss Marco Raduano. Surano venne arrestato il 3 maggio dello scorso anno perché trovato in possesso di 20 chili tra marijuana e hashish e mezzo chilo di cocaina, ma anche di un kalashnikov, un fucile a pompa e cinque pistole. Alcuni degli indagati sono ritenuti responsabili del furto di una impastatrice elettrica sottratta ad un ristorante della zona e di 5 chili di posate d’argento rubati da un’abitazione di Peschici, nonché della ricettazione di una bici elettrica rubata ad una turista tedesca. Complessivamente durante le indagini sono stati sequestrati un chilo di cocaina, 9 chili di hashish e 20 chili di marijuana per un valore complessivo di circa 240mila euro.

Share Button