Bari, primi due casi di bambini esclusi da scuola perchè non vaccinati

A Bari due bambini del Montello-Santemauro rimangono a casa perchè sprovvisti delle certificazioni necessarie dei vaccini previste dalla legge. E’ il primo caso su Bari

Bisogna far applicare la legge. Per questo la dirigente scolastica della Montello- Santomauro di Bari ha dovuto scrivere due comunicazioni di diniego di frequentazione per due alunni della sua scuola, bambini non vaccinati così come vogliono gli obblighi della legge Lorenzìn. Non si tratta di un’espulsione perchè questa avviene quando un alunno adotta comportamenti errati all’interno del plesso. Ma di una comunicazione inviata tramite una lettera alle famiglie dei bambini non vaccini in quanto la dirigente ha l’obbligo per legge di allontanare chi non è vaccinato. Obbligo entrato ufficialmente in vigore dal 12 marzo quando è scaduta la proroga per la presentazione delle certificazioni di avvenuta vaccinazione per i bambini di età compresa tra zero e sei anni. In Puglia la copertura vaccinale, secondo il bollettino regionale aggiornato al 30 giugno scorso, è comunque elevata. “La verifica riguarda sia le scuole che hanno alunni di età compresa tra zero e sei anni e dove in caso di assenza di certificazione, il bambino va allontanato e gli istituti che hanno allievi fino ai 16 anni di età dove invece scatta la segnalazione alla Asl competente e una multa”, ha spiegato Roberto Romito presidente per la Puglia dell’associazione nazionale dei presidi “Mi auguro di avere qualche cifra più certa nel fine settimana incrociando il numero totale degli alunni iscritti in ogni scuola e i relativi decreti di allontanamento. Al momento, nulla è certo”.

Share Button