Magistrati arrestati: l’ex pm di Trani Antonio Savasta abbandona la toga

Ha presentato domanda di dimissioni dalla magistratura, l’ex pm del Tribunale di Trani Antonio Savasta, arrestato per corruzione il 14 gennaio scorso dalla magistratura salentina assieme al collega ex gip tranese Michele Nardi. La richiesta dovrà essere ora valutata dal Consiglio Superiore della Magistratura. Savasta e Nardi, arrestati con le accuse di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari, falso ideologico e materiale, al momento dell’arresto, erano in servizio al Tribunale di Roma. Nell’indagine coordinata dal procuratore di Lecce, Leonardo Leone De Castris, e dal pm Roberta Licci sarebbe indagato, come riportato dalla Gazzetta del Mezzogiorno, anche un altro pm tranese, Luigi Scimè, attualmente in servizio a Salerno. Il suo nome sarebbe stato iscritto nel registro degli indagati a seguito delle dichiarazioni di una testimone, Marianna Capogna, per anni compagna del pregiudicato Tommaso Nuzzi, a sua volta in rapporti d’affari con l’imprenditore Flavio D’Introno, il grande accusatore di Savasta e Nardi. La posizione di Scimè appare, a quanto si apprende, marginale e a suo carico non sarebbero stati raccolti indizi di colpevolezza. Nardi e Savasta sono stati arrestati e condotti in carcere assieme all’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e falso commessi tra il 2014 e il 2018.

Share Button