Scanzano Jonico. Dopo l’ennesimo incendio il tema sicurezza approda in Parlamento

E’ arrivato anche tra i banchi della Camera dei Deputati, ieri, l’ennesimo incendio, quasi sicuramente un atto intimidatorio, che ha colpito un’azienda agricola di Scanzano Jonico.

Gianluca Rospi del Movimento 5 Stelle ha sollecitato, nel suo intervento, che il ministro degli interni potenzi il presidio delle forze dell’ordine locali con lo stanziamento di ulteriori agenti. Un territorio che negli ultimi mesi ha visto l’arresto di 45 persone per reati di carattere mafioso.

L’azienda presa di mira, questa volta, è quella della famiglia di Rossana De Pascalis, che è anche consigliera comunale a Scanzano. Nessuna minaccia, nessun avvertimento, dicono i titolari, per i quali l’accaduto è stato un vero fulmine a ciel sereno. Sui fatti stanno indagando gli inquirenti. Ingenti sono i danni perché sono stati bruciati 2 mila contenitori grandi di plastica ed i motori di alcune celle frigorifero. Per fortuna l’allarme è stato lanciato subito.

Diversi i messaggi di vicinanza e di solidarietà arrivati alla famiglia De Pascalis. Tra questi quelli del sindaco di Scanzano Raffaello Ripoli che, a nome di tutta l’amministrazione, esprime solidarietà e vicinanza all’azienda “De Pascalis” per il vile attacco incendiario subito la notte scorsa. Ferma condanna di ogni atto che colpisce e mina realtà economiche del territorio, frutto di lavoro e sacrifici. Confidiamo nel lavoro delle Forze dell’ordine e della Magistratura affinché facciano piena luce su questo ennesimo fatto grave verificatosi sul nostro territorio ed assicurino alla giustizia i colpevoli”.

Share Button