Bari, clan Strisciuglio. Estorsione a imprenditore: la Polizia di Stato arresta quattro persone

La Polizia ha arrestato quattro persone, Francesco Mastrogiacomo di 29 anni, Francesco Gismondo, di 22, Tommaso Giuseppe Petrone, di 29, e Saverio De Santis, di 31, gravemente indiziati, a vario titolo, di estorsione pluriaggravata. Sono ritenuti componenti del clan Strisciuglio operante al quartiere San Paolo di Bari. Le indagini sono state avviate dalla Sezione criminalità organizzata della Squadra Mobile nel novembre scorso a seguito di indagini in corso e di dichiarazioni di un imprenditore del settore alimentare che, convocato in Questura, ha confermato di essere stato vittima di richieste estorsive. Una pretesa in denaro di 2500 euro (poi ridotta a 1500 euro da versare in tre tranche da 500 euro ciascuna) fatta all’esercente da Mastrogiacomo e De Santis, quale “contributo per aiutare gli amici detenuti”. All’iniziale tentativo di resistere alla pretesa di denaro da parte dell’imprenditore, gli estorsori hanno affermato che “non era l’unico a dover pagare”, e che tutti i commercianti del quartiere stavano pagando. Dopo la prima richiesta di danaro il gruppo stava per compierne un’altra, ma l’intervento della polizia ha impedito che ciò avvenisse. L’esercente è stato ascoltato dagli investigatori confermando la richiesta estorsiva subita alla fine del mese di agosto e una “visita” ricevuta i primi giorni di novembre da parte di due persone che lo avevano invitato a recarsi nuovamente da Mastrogiacomo. L’uomo ha inoltre dichiarato alla polizia di non aver denunciato subito l’estorsione dei primi di settembre convinto che non ne avrebbe ricevute altre.

Share Button