Bari, arrestati padre e figlio: avrebbero risposto ai botti con colpi di pistola

Avrebbero reagito all’esplosione di petardi finiti sul loro balcone nella notte di Capodanno, sparando con una pistola contro l’appartamento dal quale provenivano i botti e contro chi era dentro. Per i reati di tentato omicidio aggravato e detenzione di arma clandestina, la Polizia ha arrestato in flagranza Michele e Antonio Amoruso, padre e figlio di 43 e 20 anni, entrambi pregiudicati. Durante i festeggiamenti per la notte di San Silvestro furono sparati colpi d’arma da fuoco sul pianerottolo del piano attico di una palazzina nel quartiere Libertà. Le immediate indagini della Squadra Mobile di Bari hanno consentito di accertare che all’origine della sparatoria c’era il lancio di grossi petardi che, dall’abitazione ubicata all’ultimo piano, sarebbero caduti ed esplosi sul balcone della famiglia Amoruso, innescando l’ira delle persone presenti all’interno dell’appartamento. Per vendicare l’affronto subito, padre e figlio avrebbero raggiunto, arma in pugno, l’abitazione del sesto piano e, dopo aver tentato di farsi aprire la porta, avrebbero dapprima esploso alcuni colpi di pistola nei confronti di chi era all’interno e poi avrebbero provato a sfondare a calci la porta di ingresso, immortalati dall’impianto di videosorveglianza installato dalla vittima sull’uscio di casa. Sono stati arrestati in flagranza poco dopo e il gip ne ha confermato oggi la detenzione in carcere.

Share Button