Stupefacenti nei distributori h24, sequestri e denunce a Taranto e in 5 regioni

Thc nelle caramelle e nelle bevande dei distributori automatici di Taranto e di varie regioni d’Italia. Spesso a pochi passi dalle scuole e alla portata dei giovani. Si chiama “Affari in fumo” l’ultima operazione antidroga della Guardia di Finanza di Taranto. Sono stati controllati circa cinquanta negozi, rivenditori di prodotti contenenti stupefacenti .

Sequestrati, complessivamente: 1 tonnellata e 200 chilogrammi di infiorescenze di canapa sativa; 120 litri di bevande e liquidi contenenti THC; 2.600 prodotti alimentari derivanti dalla canapa sativa (come caramelle e lecca lecca); 4.500 articoli e strumenti utilizzati per il confezionamento e l’ingestione/inalazione/combustione dell’infiorescenza di canapa (trinciatori e vaporizzatori); 4.000 locandine che pubblicizzavano i prodotti vietati. Gli uomini del Nucleo di Polizia economico finanziaria hanno eseguito il decreto di perquisizione e sequestro a firma del Procuratore della Repubblica Carlo Maria Capristo, del Procuratore aggiunto Maurizio Carbone e del vice Sostituto Procuratore Lucia Isceri. 

Nell’ambito dell’indagine, individuati non solo negozi al dettaglio ma anche grossisti, per un totale di 39 nella provincia di Taranto e 9 nelle regioni Campania, Calabria, Sicilia, Lazio e Lombardia. Al termine delle operazioni sono stati apposti i sigilli a 5 esercizi commerciali a Taranto (3 dei quali muniti di distributore automatico H24 di cui due vicini a delle scuole). 6 persone (il titolare del distributore automatico ed i responsabili delle società), sono state denunciate per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. 

Share Button