Rogo in un ghetto vicino al Cara di Foggia. Il secondo in due giorni

Un uomo, presumibilmente africano, è rimasto gravemente ustionato nell’incendio divampato all’alba nel cosiddetto ghetto di Borgo Mezzanone, l’agglomerato di baracche abusive adiacente al Centro richiedenti asilo a pochi chilometri da Foggia. L’uomo, che non è stato possibile identificare poiché non aveva documenti con sé, ha riportato ustioni sull’80% del corpo ed è stato immediatamente trasferito al Centro grandi ustioni di Brindisi. Le sue condizioni sono state definite gravi. L’incendio è divampato verso le quattro del mattino e ha distrutto quattro baracche. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. Indagini in corso per cercare di risalire alla natura dell’incendio, il secondo che si verifica in due giorni. Martedì sera, infatti, un altro rogo ha coinvolto 30 baracche. In questo caso rimasero ferite quattro persone.

Share Button