Trasporto pubblico a Potenza, il 4 ottobre inizia il processo per Trotta

Inizierà il prossimo 4 ottobre, davanti al giudice monocratico Rosario Baglioni, il processo a carico di Mauro Trotta, legale rappresentante dell’omonima azienda che gestisce in proroga il servizio pubblico di trasporto urbano a Potenza.

Le accuse sono di appropriazione indebita e reiterazione di reato aggravato e continuato. Una indagine risalente al gennaio 2016, infatti, prese il via dopo un esposto alla Procura della Repubblica del capoluogo lucano, presentato da otto lavoratori iscritti al sindacato Ugl a causa del mancato versamento di due tipologie di quote previdenziali integrative.
Più volte denunciato anche da altre sigle sindacali, la Trotta avrebbe trattenuto indebitamente dalle busta paga dei lavoratori sia le quote previdenziali e integrative delle annualità 2016 e 2017 che il quinto dello stipendio, il tutto senza versarli agli istituti ed enti deputati. Ammontare che da fonte stampa dovrebbe aggirarsi su una cifra che sfiora i 69 mila euro.

Una situazione che ha prodotto innumerevoli difficoltà economiche, in primis per gli otto interessati, ma in seguito anche per altri dipendenti che hanno verificato irregolarità nelle loro posizioni previdenziali.

Oltre l’iter giudiziario, stando al “capitolato speciale” allegato al bando di gara, i mancati versamenti sarebbero tra i motivi di rescissione del contratto, ormai scaduto e in regime di proroga da parte del Comune di Potenza.

Share Button