Bari, arrestati due fratelli ritenuti responsabili del ferimento di Filippo Cantalice

Arrestati dai carabinieri due fratelli ritenuti gli autori del ferimento di Filippo Cantalice, avvenuto lo scorso 8 luglio nella centralissima  piazza Chiurlia di Bari. I provvedimenti sono stati emessi dal Tribunale di Bari e dal Tribunale di Bari dei minori in quanto uno dei due fratelli è minorenne. I due ragazzi, di 21 e 17 anni, era noti alle forze dell’ordine: quella notte mentre erano in compagnia di un coetaneo a Bari Vecchia, pestarono un ragazzo per futili motivi. L’episodio, avvenuto nella centralissima piazza, nel cuore della città vecchia, aveva avuto un seguito nelle ore immediatamente successive. Infatti, il minore, per come accertato dalle indagini, era stato affrontato a sua volta da Filippo Cantalice , il quale con metodi bruschi lo aveva insultato. Tutto sotto gli occhi del fratello e dei suoi amici. Dopo essersi allontanati, i due fratelli sono tornati a bordo di una moto di grossa cilindrata e con il volto coperto da caschi. Vano si  era rivelato il tentativo di alcuni amici dei due ragazzi di indurre quest’ultimi ad allontanarsi ed a rinunciare alle loro violente intenzioni. Infatti, il minorenne, sceso dal motociclo, si era avvicinato a Filippo, impugnando una pistola. Tra i due si era così accesa nuovamente la violenta discussione, al culmine della quale l’aggressore aveva esploso un colpo d’arma da fuoco alla gamba destra di Filippo Cantalice . A seguito di tale azione, avvenuta sotto gli occhi di numerosi testimoni, i due fratelli, così come erano venuti, si erano allontanati a bordo della moto di grossa cilindrata condotta dal fratello maggiore, rendendosi da quel momento entrambi irreperibili. Provvidenziale, tuttavia, si era rivelato il transito di una pattuglia del Nucleo Radiomobile i cui componenti dopo aver raggiunto il luogo del ferimento solo pochi attimi dopo che lo stesso si era verificato, avevano identificato tutti i presenti e cristallizzato la scena del delitto. Ancora, determinanti per le indagini si sono rivelate le riprese degli impianti di videosorveglianza posizionati nella pubblica via, che hanno immortalato tutte le scene della concitata nottata dell’8 luglio a Piazza Chiurlia. La certosina ricostruzione degli spostamenti dei due giovani resa possibile dalla visualizzazione delle suddette videoriprese, unitamente alle dichiarazioni dei testimoni, hanno consentito ai Carabinieri della Compagnia  Bari Centro e del Reparto Operativo, di ricostruire tutti gli eventi della nottata e, soprattutto, di identificare i due fratelli.

Share Button