Arresti nel Potentino. Clan si contendono il “mercato della paglia”

In atto un ‘violento scontro’ tra i Parrini e i Delli Gatti

Da alcune settimane, nel Melfese, per imporsi nel mercato dei “raccoglitori di paglia”, è in atto “un violento scontro” tra le famiglie di agricoltori-pastori dei Parrini e dei Delli Gatti: la “rapida escalation di violenza”, anche con l’uso di armi, ha portato la Polizia, coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza, a eseguire quattro arresti domiciliari, di cui due con braccialetto elettronico, disposti dal gip del capoluogo lucano.

Nell’ambito delle stesse indagini, un altro uomo, Donato Parrini, di 61 anni, di Melfi (Potenza), con precedenti penali, è stato arrestato in flagranza di reato perché trovato in possesso di un’arma e di munizioni.

Gli investigatori hanno fatto luce su numerosi episodi estorsivi, intimidatori e di ritorsione commessi anche con l’uso di armi da fuoco. Le persone arrestate, tutte di Melfi, sono: Lorenzo Delli Gatti, di 38 anni, Antonino Delli Gatti (22), Francesco Parrini (59) e Daniel Parrini (31). Ai domiciliari con il braccialetto elettronico vi sono Lorenzo Delli Gatti e Francesco Parrini.

Durante alcune perquisizioni, la Polizia ha pure scoperto che Lorenzo Delli Gatti era in possesso di banconote contraffatte, che poi sono state sequestrate. In un comunicato la Procura potentina ha inoltre evidenziato che vi sono altri due indagati e che le indagini “proseguono per l’accertamento di ulteriori fatti analoghi”.

Share Button