Espulso marocchino, pericoloso per la sicurezza nazionale. Il suo nome compare in indagini Dda Bari

Un marocchino di 40 anni ritenuto pericoloso per la sicurezza nazionale è stato espulso dalla Digos della questura di Bari, su disposizione del prefetto di Foggia.

Al quarantenne, non in regola sul territorio nazionale, è stato anche disposto il divieto di rientro in area Shengen per 10 anni. Il marocchino, il cui nome era già emerso in indagini della Dda di Bari sul terrorismo internazionale, è stato identificato presso l’aeroporto di Bologna, mentre si apprestava a lasciare il territorio nazionale.

Alla sua individuazione si è giunti grazie ad articolati controlli presso gli aeroporti da parte della Polizia di Frontiera ed allo scambio info-investigativo tra le varie articolazioni della Polizia impegnate nel contrasto e prevenzione del terrorismo internazionale riconducibile all’Isis.

Share Button