Droga, centrale dello spaccio nel barese, scoperta in una stalla a Giovinazzo

All’interno di una stalla a Giovinazzo i Carabinieri hanno scoperto una vera e propria “cupa”, centrale dello spaccio, con videosorveglianza e libro mastro dello spaccio. I militari si sono insospettiti per il continuo via vai di giovani nella struttura abbandonata.

Durante la perquisizione, oltre a sostanza stupefacente e denaro contante, è stata individuata la cabina di regia, composta da un impianto di sorveglianza con monitor da 16 pollici, dvr e 4 telecamere, ultima generazione ad infrarossi, posizionate accuratamente all’esterno per monitorare l’arrivo dei clienti e allertare i pusher in caso giungessero le Forze dell’Ordine.

Forse proprio quelle telecamere hanno consentito al gruppo di spacciatori – al momento non identificati – di darsi alla fuga dopo essersi accorti dell’arrivo dei militari. Il locale, dotato di divano e di un tavolo, con finestra, coperta da una tendina rossa, luogo dove avveniva lo scambio denaro-droga, era quindi organizzato ed attrezzato per l’utilizzo come luogo di spaccio.

Sul tavolo c’erano anche diversi quaderni con indicazioni di clienti, turni di spaccio e somme di denaro. Sempre a Giovinazzo i Carabinieri hanno arrestato un 40enne pregiudicato che tentata la fuga nelle vie del centro storico dopo aver abbandonato uno zainetto all’interno del quale c’era un vero bazar mobile: quasi 90 grammi di droghe, fra hashish, cocaina e marijuana, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento.

Share Button