Traffico di droga, decapitate due organizzazioni criminali italo-albanesi

Operazione della Dia, 43 arresti tra Italia, Albania e Romania


Un sistema talmente potente da potersi permettere di cambiare anche all’ultimo momento il punto di sbarco della droga lungo tutto l’Adriatico. Sono 43 le persone arrestate e oltre 2300 i chili di droga sequestrati tra marijuana, cocaina e hascisc dagli uomini della Direzione Investigativa Antimafia nazionale nel corso di un’operazione che ha decapitato due organizzazioni italo-albanesi, una con base operativa a Bari e l’altra a Mola.

Un’operazione storica, dal momento che è la prima volta che gli uomini della Dia, in totale circa duecento oltre al personale di Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e Polizia Albanese, hanno avuto la possibilità di operare in territorio estero.

Gli arresti sono stati effettuati in Albania e nelle province di Bari, Bat, Brindisi, Potenza, Bologna, Salerno, Ragusa e Teramo nei confronti di 20 italiani, 21 albanesi e due rumeni. Sottolineata dagli inquirenti la pericolosità degli albanesi, in grado in più di una occasione di intimidire le organizzazioni criminali italiane con cui si erano alleati.

Share Button