Altamura. Arrestato il “topo d’appartamento” che sorpreso dai proprietari fuggì dal balcone lanciandosi da 5 metri

Stava rubando dei fucili tipo soft air in un’abitazione in fase di ristrutturazione, ma sorpreso dai proprietari, si è lanciato nel vuoto dal balcone per sfuggire alla cattura

E’ quello che hanno accertato i Carabinieri di Altamura ricostruendo i fatti che si sono verificati nella notte tra il 2 e 3 novembre scorso.

La vicenda ha inizio con una richiesta di intervento pervenuta al 112, da un cittadino accortosi di alcuni rumori  provenienti dall’appartamento di sua proprietà. L’uomo affacciandosi alla finestra, aveva infatti notato che alcuni giovani stavano compiendo un furto.

Alle urla del proprietario, i giovani si diedero alla fuga; uno di essi lanciandosi nel vuoto dal balcone posto ad un’altezza di cinque metri, mentre gli altri due complici, che si trovavano in strada, fuggirono lasciando a terra un borsone con la refurtiva.

I militari recuperarono il borsone che conteneva alcuni fucili del tipo soft air custoditi dal proprietario nel suo appartamento e ritrovarono nelle vicinanze una Lancia Y risultata poi rubata sempre ad Altamura pochi giorni prima ed utilizzata dai ladri per recarsi sul luogo del furto dove, tra l’altro, i militari avevano notato anche evidenti macchie di sangue sull’asfalto.

Acquisita la descrizione dettagliata degli indumenti indossati dai malfattori, i militari si recarono presso l’ospedale Perinei dove effettivamente i sanitari riferirono che poco prima era stato accompagnato un giovane 23enne del centro murgiano con gravi lesioni traumatiche al capo e al viso.

Gli abiti del giovane arrivato al pronto soccorso corrispondevano a quelli della descrizione fornita dalla vittima del furto quindi, il ladro, già noto alle forze dell’ordine, è stato posto ai domiciliari per concorso in furto aggravato e ricettazione.

Share Button