Due tarantini in manette: si fingevano dipendenti Enel per derubare gli anziani

Si fingevano dipendenti Enel per derubare gli anziani. Il 37enne Daniele Latorre e il 20enne Valerio Silvestri, di Taranto, sono stati arrestati dai carabinieri in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Giuseppe Tommasino su richiesta del sostituto procuratore Giovanna Cannarile per concorso in furto in abitazione aggravato con destrezza e indebito utilizzo di carta di credito.

I due erano già ai domiciliari per episodi analoghi. L’attività investigativa ha permesso di raccogliere a loro carico gravi indizi di colpevolezza. Nei primi giorni di febbraio gli arrestati si erano recati presso l’abitazione di un 85enne e, simulando di essere dipendenti Enel, dopo aver carpito la fiducia dell’anziano, gli avevano comunicato che avrebbero dovuto rimborsargli la somma di 270 euro. Per questo avevano chiesto di visionare l’ultima bolletta pagata e di ricevere le coordinate bancarie sulle quali poter effettuare il rimborso. Ma in seguito, dopo aver distratto l’anziano, si erano impossessati del libretto postale, al quale era allegato un foglietto contenente il pin, e si erano allontanati dall’abitazione. E’ stata la badante dell’uomo ad accorgersi del furto e ad allertare i carabinieri. I due malviventi nel frattempo avevano raggiunto una filiale di Poste Italiane e, tramite l’utilizzo del pin, avevano prelevato dal libretto postale la somma di 600 euro.

I militari, attraverso l’individuazione fotografica e l’esame delle immagini dell’impianto di videosorveglianza dell’Ufficio postale, hanno identificato i due destinatari delle misure cautelari, condotti in carcere in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

Share Button