Bitonto. Esiti dei controlli in città: trovate altre microcamere e somme di danaro

Microtelecamere nascoste all’ingresso di un portone e collegate al televisore di un appartamento, somme di danaro di alcune migliaia di euro ritenute provento dell’attività di spaccio di droga, dosi di marijuana, cellulari e apparati di trasmissione wifi utilizzati dai pusher: è quanto hanno trovato finora gli oltre 100 tra carabinieri e poliziotti impegnati nei controlli straordinari in corso a Bitonto dopo l’uccisione per errore di un’anziana il 30 dicembre scorso durante un regolamento di conti tra bande rivali.

Durante i controlli sono state identificate numerose persone con precedenti penali e di polizia per vari reati, anche di tipo associativo.

In particolare sono stati controllati immobili di via Sandro Pertini, occupati da soggetti ritenuti contigui a uno dei gruppi criminali operanti su Bitonto e attivi soprattutto nello spaccio di sostanze stupefacenti. 

Per consentire le perquisizioni sono stati impegnati anche i vigili del fuoco (che hanno permesso agli investigatori di entrare in abitazioni chiuse o abbandonate), squadre dell’Enel e di manutentori di ascensori di alcune palazzine della zona ex 167 per escludere che i vani degli ascensori fossero diventati nascondiglio di armi o droga.

Le perquisizioni hanno riguardato anche lo stabile dove erano stati sparati numerosi colpi d’arma da fuoco la mattina del 30 dicembre scorso, prima dell’agguato in cui è morta l’84enne.

Share Button