Morta al pediatrico di Roma, bimba di 9 anni originaria di Matera: tracce di metanolo nel sangue

“Nel suo corpo i medici hanno trovato tracce massicce di metanolo, una sostanza altamente tossica utilizzata principalmente come solvente. E ora sul decesso di una bimba di soli 9 anni, morta giovedì mattina all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, indaga la Procura”.

Secondo quanto riportato da alcuni organi di stampa nazionali, “le analisi effettuate prima del decesso, nel tentativo di risalire alla causa delle sue disperate condizioni di salute, hanno rivelato nel suo sangue una consistente presenza di metanolo, la sostanza alcolica più semplice quanto altamente tossica, usata nei solventi o nei carburanti. Una anomalia evidente, che non può avere legami con la cardiopatia da cui era affetta la bambina e che, su immediata segnalazione dell’ospedale, verrà approfondita da una inchiesta della procura”. (Corriere della Sera).

Secondo la testata il 5 ottobre scorso la piccola, in preda a una forte crisi  viene portata dai genitori al Pronto soccorso di Matera ma la situazione appare subito disperata, tanto che il 7, due giorni dopo, la piccola viene trasferita d’urgenza al Bambin Gesù di Roma.

“Qui” scrive il giornalista Fulvio Flaiano “data la complessità del quadro clinico, viene disposto dai medici un esame tossicologico. Emerge il dato sul metanolo, che per ora non ha spiegazioni. Le cure sono tutte inefficaci e la bambina muore giovedì. Sulla cartella del decesso resta un punto interrogativo che il pm Maurizio Arcuri, ipotizzando per ora l’omicidio colposo, proverà a sciogliere con l’incarico già conferito ai suoi consulenti”.

Share Button