Mafia: imponevano servizio buttafuori, 12 persone a giudizio

Potenza. Il gup di Potenza, Tiziana Petrocelli, ha rinviato a giudizio 12 persone, coinvolte nell”inchiesta “Senza tregua” della Procura sul servizio di buttafuori in alcuni locali pubblici del capoluogo lucano tra il 2015 e il 2016: la prima udienza si svolgerà il 15 gennaio 2018. In base a quanto emerse dalle indagini – coordinate dal pm della Dda, Francesco Basentini, e partite dalle rivelazioni di un collaboratore di giustizia – il gruppo imponeva ad alcuni locali il servizio di buttafuori, “forte” anche dell’appoggio di un clan locale (Martorano-Stefanutti, di cui facevano parte alcuni degli imputati) collegato a una cosca calabrese: le 12 persone sono accusate, a vario titolo, di danneggiamento e tentata estorsione, con l’aggravante del metodo mafioso. Lo scorso gennaio l’inchiesta portò a cinque misure cautelari (due in carcere, due ai domiciliari e un divieto di dimora) eseguite dalla Squadra mobile di Potenza. (ANSA).

Share Button