Bitonto, si indaga sull’accoltellamento in strada. Preso nella notte il 68enne responsabile del delitto

Gaetano Sesto incastrato dalle telecamere, ma la dinamica è ancora da chiarire: forse una colluttazione tra i due. Il sindaco Abbaticchio chiede la sospensione dei festeggiamenti in città
La realtà, come spesso accade, potrebbe essere più complessa rispetto alla prima impressione. A Bitonto, il giorno dopo l’accoltellamento mortale del 25enne Giuseppe Muscatelli, l’effetto più evidente, oltre al silenzio delle persone, è una certa cautela in un traffico cittadino di solito più caotico e imprevedibile. Nella notte è stato rintracciato il 68enne Gaetano Sesto, il pensionato autore del gesto. A casa sua gli inquirenti avrebbero anche individuato l’arma del delitto, un coltellino con una lama retrattile di una decina di centimetri con cui avrebbe colpito Muscatelli all’emitorace destro al culmine di un litigio per una strada, una traversa di via Garibaldi, a pochi passi dal centro storico, che sarebbe rimasta bloccata per un tamponamento tra l’auto del ragazzo e un’altra vettura. Sesto, ex ferroviere che per un anno aveva lavorato per la società che si occupa della gestione del verde urbano per conto del Comune di Bitonto, era in auto con la figlia e la nipote quando, anche secondo le immagini delle telecamere di sorveglianza, sarebbe veementemente intervenuto nel diverbio la cui dinamica è ancora da accertare e sarebbe tuttora oggetto di indagine da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Bari. Il pensionato potrebbe infatti aver reagito a un punto sferrato proprio da Muscatelli. Di certo c’è che Muscatelli sarebbe riuscito a fare a piedi un tratto di 500 metri fino a raggiungere via della Repubblica Italiana, mentre Sesto sarebbe scappato a piedi verso casa. I Carabinieri hanno sequestrato all’uomo i vestiti che indossava al momento del delitto e l’auto su cui viaggiava. Scagionato dunque un professore di religione di una scuola di Bitonto, additato sui social in un primo momento come l’autore del delitto, che ha già annunciato querela nei confronti dei suoi accusatori telematici. Nel frattempo il sindaco di Bitonto Michele Abbaticchio ha chiesto agli organizzatori della rassegna ‘Bitonto estate’ di sospendere le manifestazioni programmate da oggi sino al prossimo 24 agosto. “Consapevoli che la verità emergerà solo con le dichiarazioni ufficiali delle autorità di pubblica sicurezza e dell’ordine pubblico – scrive Abbaticchio in un post su Facebook – l’amministrazione comunale ha chiesto agli organizzatori dei festival la sospensione delle attività culturali, in segno di rispetto verso lo sgomento della comunità ed il dolore della famiglia colpita”.

 

Share Button