Bari, maestra interdetta dall’insegnamento per aver maltrattato i bambini

I fatti risalgono a febbraio e marzo. Urla, schiaffi e spintoni denunciati dai genitori

Bambini maltrattati e spaventati con le urla per tenerli in silenzio, strattonandoli e schiaffeggiandoli. Una maestra di 60 anni, in servizio in una scuola dell’infanzia di Bari, è stata sospesa su disposizione della Procura di Bari per un periodi di 12 mesi. I fatti contestati risalgono al periodo febbraio-marzo 2017. L’indagine, è partita dalla denuncia di alcuni genitori. Oltre alle testimonianze delle mamme e dei papà dei bambini e del personale scolastico, gli accertamenti della polizia giudiziaria si sono avvalsi di intercettazioni video-ambientali che hanno consentito di confermare le ipotesi accusatorie. Dall’attività tecnica di monitoraggio, durata alcune settimane, è emerso «non solo un costante ricorso a grida ed urla spropositate da parte dell’indagata nei confronti dei bambini, nel vano tentativo di riportare ordine, – si legge un una nota della Procura di Bari – ma il ricorso abituale per i bambini più irrequieti a strattonamenti per il braccio, trascinamenti per la classe, tanto che in alcuni casi la violenta azione portava a sollevarli da terra. Si sono registrati anche episodi di punizione di tipo corporale, costringendo i bambini con forza a stare seduti e talvolta schiaffeggiandoli».

Share Button