Questa opzione resetterà tutto il contenuto come predefinito

Reset

Inchiesta Eipli: tra i nomi degli indagati anche politici lucani

E’ più di quanto può sembrare, la vicenda sull’inchiesta Eipli per la spartizione di appalti legati all’attività dell’Ente irrigazione – che martedì scorso nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica di Potenza, ha portato a undici arresti, nella cui stessa occasione il commissario dell’ente, Antonio Mario Lerario ha definito l’Eipli stesso parte lesa- poiché il PM Vincenzo Savoia, come si evince da alcune testate giornalistiche, aveva da più di un anno 23 nominativi iscritti nel registro degli indagati. L’elenco contiene anche nomi di punta della politica amministrativa lucana: tra cui il consigliere regionale Mario Polese e un componente della segreteria del governatore lucano, Biagio di Lascio, per una ipotesi di concorso in traffico di influenze illecite, che presumibilmente si sarebbero verificate nei primi giorni di maggio del 2015. “Apprendo dalla stampa locale di fatti e vicende di cui mi ritengo totalmente estraneo, dichiara in un una nota il consigliere regionale-preciso che non mi è stato notificato nessun atto giudiziario. Confido come sempre nel lavoro della magistratura e mi dichiaro immediatamente disponibile ad essere sentito dagli organi inquirenti per ogni eventuale necessità.” Cinque invece i capi d’accusa per il commissario dei Consorzi di Bonifica,Giuseppe Musacchio e una, per conocorso in corruzione lo stesso ex commissario dell’Eipli, Saverio Riccardi. E ancora, per abuso d’ufficio risultano iscritti Aldo Schiassi, ex direttore dell’Arpab;per ipotesti di truffa nel dicembre 2015, il direttore della lucana Film Commission Paride Leporace, e infine Gerado Marotta ex direttore generale di Acquedotto lucano invece per concorso nella turbata libertà del contraente datata da Giugno 2015. Le indagini in corso avranno altri sviluppi nelle prossime ore.

Share Button