A Chiaromonte nel potentino protesta di alcuni migranti, aggredito Carabiniere

La giornata di proteste a Chiaromonte, presso uno dei due centri di accoglienza gestito dalla cooperativa Senise Hospes, si è conclusa con un arresto.

La protesta è stata messa in atto da alcuni ospiti di una delle due strutture di accoglienza presenti nel comune. La protesta, che è scaturita da alcuni migranti arrivati dal centro di accoglienza di Tito, chiuso da mercoledi, ha richiesto l’intervento dei carabinieri della locale stazione e della compagnia di Senise, coordinati dal capitano Marco Di Iesu che, alla fine, hanno arrestato un 24enne nigeriano reo di aver aggredito un carabiniere.

La sindaca di Chiaromonte, Valentina Viola, che non si trovava in loco, ha seguito la vicenda con preoccupazione. “Come avevo paventato poche settimane fa- ha detto- purtroppo è facile che con numero così alti in una comunità piccola possano accadere cose di questo genere.

Siamo preoccupati come, tra l’altro, avevamo già spiegato più volte”. C’è anche da chiedersi quale sia stato il criterio con il quale i ragazzi siano stati spostati da Tito (centro, comunque, più grande)a Chiaromonte, comune in cui già in passato, come ha spiegato la stessa Viola, era stata sollecitata la Prefettura a rivedere i numeri (adesso un centinaio) relativi all’accoglienza.

Share Button