Bari, fermato responsabile omicidio a Palese: era un ex dipendente del figlio della vittima

La settantenne Rosa Maria Radicci sarebbe stata uccisa da Ogert Laska, bloccato al porto di rientro dall’Albania dove era fuggito lo scorso 17 novembre.

Il movente, al momento, non è chiaro, perché nonostante i gravi indizi il presunto responsabile resta in silenzio. Ma secondo gli inquirenti la pista principale per individuare chi ha ucciso il 13 novembre scorso la 70enne Rosa Maria Radicci in una villetta sul lungomare di Palese, alla periferia di Bari, porterebbe al 29enne albanese Ogert Laska, ex dipendente del figlio della vittima, licenziato nello scorso agosto a seguito di un pesante diverbio. Laska si sarebbe introdotto nel primo pomeriggio a casa della vittima e l’avrebbe strangolata con violenza.

L’individuo, descritto come violento e dedito al gioco, mentre lavorava nella pizzeria del figlio si recava spesso a casa della vittima per portarle la spesa, e la stessa Radicci aveva fatto regali ai figli di Laska, che per questo avrebbe avuto facile accesso alla villetta. Laska è stato fermato al porto di Bari al rientro dell’Albania, dove era fuggito lo scorso 17 novembre.

Share Button