A Scanzano Jonico incendiata l’auto dell’ex sindaco. Solidarietà da tutta la Basilicata

L’automobile “Suv Crv Honda” di Salvatore Jacobellis (Pd) – ex sindaco di Scanzano Jonico (Matera) – è stata incendiata la notte scorsa da persone non identificate: le fiamme hanno distrutto altre tre auto in sosta vicino a quella dell’ex sindaco e ne hanno danneggiate altre due o tre parcheggiate poco distante.

La vettura di Jacobellis – che è stato sindaco per due mandati – è stata quella presa di mira, secondo i primi accertamenti dei Carabinieri: l’incendio si è propagato e un’altra delle vetture vicine si è spostata facendo propagare le fiamme, che sono state spente dai Vigili del fuoco.

Nel 2009 Jacobellis aveva ricevuto una busta contenente un proiettile; lo scorso anno una testa di agnello gli era stata recapitata presso la pizzeria gestita dalla sorella.

“Evidentemente” ha detto Jacobellis “mi aspettavano al varco. Il gesto è da collegare al mio impegno politico, che non si è concluso con la fine del mio secondo mandato da sindaco, contro la criminalità che vuole prendere il controllo di tutta la zona. Il problema è che nessuno parla per dire ciò che sa e contribuire a contrastare il fenomeno”, ha concluso.

In una nota diffusa a mezzo stampa l’attuale amministrazione di Scanzano Jonico “esprime profondo rammarico per l’ennesimo episodio increscioso della notte scorsa”.

“E’ inaccettabile” è scritto dall’amministrazione del comune metapontino “la situazione di insicurezza e paura che tutti viviamo. Per questo motivo ci sarà un summit urgente tra il sindaco Raffaello Ripoli, fuori per motivi personali, e le forze dell’ordine per fare il punto della situazione. Esprimendo solidarietà all’ex sindaco Iacobellis e a tutti gli altri cittadini coinvolti, ribadiamo la nostra ferma intenzione di accelerare l’istituzione sul territorio della Caserma dei Carabinieri e l’installazione di un efficace sistema di videosorveglianza”.

Deplorano il gesto tramite una nota congiunta i consiglieri comunali di minoranza del comune di Scanzano Claudio Scarnato e Rossana De Pascalis (Scanzano Conta), Pasquale Cariello (Scanzano Viva) e Antonello Musillo (Movimento 5 Stelle) e chiedono “un consiglio comunale aperto alla cittadinanza affinché siano affrontati temi come la legalità e la sicurezza”.

“La città di Scanzano” ha dichiarato in un messaggio di solidarietà il segretario provinciale di Matera del PD, Pasquale Bellitti “è ancora scossa dai fatti criminosi che richiedono rapide indagini per risalire agli esecutori. Ci sono fatti ed episodi criminosi che hanno interessato la cittadina jonica che riguarda soprattutto la figura dell’ex sindaco” scrive Bellitti “che a viso aperto, con coraggio e perseveranza ha combattuto contro ogni prevaricazione criminale a cui insieme agli altri cittadini ed attività economiche che hanno subito altrettanti atti intimidatori va la nostra completa solidarietà. Alle forze dell’ordine va il nostro sostegno per il compito che gli attende che speriamo svolgeranno tempestivamente ed efficacemente”.

Anche il capogruppo del PD in consiglio regionale, Roberto Cifarelli, nell’esprimere la solidarietà a Salvatore Iacobellis “persona che nei dieci anni da sindaco si è distinta per la sua fermezza nel rispetto dei valori della legalità quale presupposto allo sviluppo del territorio” commenta la vicenda e sottolinea anche alla luce della “crescente escalation di atti delinquenziali” che questi atti “meritino tutta l’attenzione delle istituzioni preposte e l’intensificazione delle azioni di controllo delle forze dell’ordine per contrastare questi episodi e garantire più sicurezza ai cittadini”.

Vicino all’ex sindaco di Scanzano anche il primo cittadino di Matera, Raffaello de Ruggieri: “Il clima difficile che ancora una volta cala su Scanzano” ha dichiarato de Ruggieri “richiama tutti ad un patto civile per la legalità che sostenga con forza l’attività delle forze dell’ordine, della società civile e degli amministratori coinvolti, ormai troppo spesso, sotto il profilo personale in una battaglia che non ha volto”.

Share Button