Taranto, Marzano alla Squadra navale. M5S: “Commise fatidico errore nel caso marò”

E’ l’ammiraglio Donato Marzano il nuovo Comandante in Capo della Squadra Navale di Taranto della Marina Militare. Marzano lascia l’incarico di Comandante del Comando logistico della Marina Militare di Napoli e prende il posto dell’ammiraglio Filippo Maria Foffi. La cerimonia si è svolta sul ponte di volo della portaerei Cavour nella Stazione Navale Mar Grande di Taranto.

Un nome, quello del neo Comandante, che rimanda alla vicenda dei marò. Marzano, infatti, nel febbraio 2012, era Sottocapo di Stato maggiore del Comando in capo della Squadra navale. Data in cui, com’è noto, iniziava la lunga storia che ha visto protagonisti Latorre e Girone, accusati dell’omicidio di due pescatori indiani.

Seppur ormai rientrati in Italia, la faccenda non è chiusa. Sul ruolo di Marzano e sulle sue eventuali responsabilità, infatti, c’è un’interrogazione del Movimento5stelle, firmata tra gli altri da Alessandro Di Battista. Interrogazione nella quale si legge che Marzano avrebbe commesso “il fatidico errore di non obiettare nulla in merito all’entrata in acque territoriali indiane della Enrica Lexie con il nucleo di protezione a bordo”. L’ok sarebbe stato dato, peraltro, senza aver atteso gli accordi diplomatici tra i rispettivi ministri degli Esteri. I pentastellati chiedono, quindi, di andare a fondo alla questione. Di indagare sul delicato passaggio, determinante nell’annosa vicenda.

Secondo la ricostruzione proposta in un servizio TG di La7 del 31 maggio scorso, Latorre, a capo della squadra di marò in difesa della nave Enrica Lexie, chiese alla sua catena di comando cosa fare di fronte alla richiesta indiana di tornare in porto. Di turno al quartiere generale della Marina a Roma, il capitano di vascello Martino Baldari, il quale informo’ l’ammiraglio di Squadra Donato Marzano, che a sua volta si confronto’ con l’ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, allora Comandante della Squadra navale e che pochi giorni dopo divenne Capo di stato maggiore della Marina ed in seguito sali’ al vertice della Difesa.

Share Button