Sequestra grossista e rapina gioielli 200mila euro, arrestato

La Polizia ha arrestato a Bari Vincenzo Carone, di 29 anni, per sequestro di persona a scopo di rapina e per porto e detenzione illegale di arma da fuoco. Con il volto coperto da scaldacollo e cappellino, l’uomo avrebbe rapinato un grossista di preziosi al primo piano di via Principe Amedeo, nel centro cittadino. Ha atteso che il commerciante rientrasse dalla pausa pranzo, l’ha seguito e lo ha spinto all’interno dello showroom. Qui l’ha immobilizzato con del nastro adesivo e, sotto la minaccia dell’arma, si è fatto aprire la cassaforte prelevando preziosi per circa 200mila euro. La descrizione del rapinatore e la visione delle immagini del sistema di videosorveglianza hanno poi consentito agli investigatori di identificare Carone, fuggito con uno scooter a lui intestato. L’uomo è stato quindi raggiunto a casa dove i poliziotti hanno trovato e sequestrato anche gli indumenti usati dal rapinatore il giorno prima del colpo, quando il 29enne ha fatto un sopralluogo nel punto vendita. Indumenti immortalati dalle telecamere presenti nei pressi della gioielleria. Successivamente in campagna, nel comune di Capurso, sono stati trovati il ciclomotore e il giubbotto utilizzati da Carone durante la rapina. Nessuna traccia, invece, del bottino.

Share Button