Andria: sequestrati beni per due milioni di euro

Andria-piazza-catumaDue terreni adibiti a impianto sportivo con tre campi di calcetto, due appartamenti e un’autorimessa nel centro della città di Andria, una grande e lussuosa villa a Castel del Monte, un’autovettura, numerosi conti correnti bancari, finanziamenti e vari libretti di deposito a risparmio presso Poste Italiane, il tutto per un valore complessivo di circa 2 milioni di euro. E’ quanto il tribunale del riesame di Bari ha disposto fosse sequestrato ad Andria nell’ambito di sei provvedimenti eseguiti da agenti del locale commissariato, coordinati dalla procura distrettuale antimafia di Bari, nei confronti di Fabio e Sabino Roberto, appartenenti alla stessa famiglia e, secondo gli inquirenti, “responsabili di aver promosso, costituito, diretto, finanziato e partecipato ad un’associazione criminale finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti del tipo cocaina”. Il loro quartiere generale per lo spaccio – secondo quanto accertato dagli investigatori – era piazza Santa Maria Vetere, nel cuore di Andria, dove la polizia ha sequestrato appartamento e autorimessa; mentre il centro sportivo, chiamato “Miky”, serviva anche per riunire gli esponenti di spicco della criminalità locale. Il sequestro fa seguito a indagini cominciate dall’accertamento della sproporzione fra alcuni investimenti della famiglia Roberto rispetto a quanto dichiarato al fisco. Molti dei beni sequestrati erano intestati a familiari e prestanomi. (ANSA).

Share Button