Trani. Costituito il pool di 5 magistrati che indagheranno sul disastro ferroviario

Sono 5 i magistrati che fanno parte del pool che si occuperà delle indagini sul disastro ferroviario di Corato-Andria.

Oltre al Pm facente funzioni, Francesco Giannella, il pool è composto dai pm Antonio Savasta, Simona Merra, Marcello Catalano e Michele Ruggiero. Quest’ultimo è noto per aver indagato in distinti procedimenti la Deutsche Bank di Francoforte e due agenzie di rating (Standard & Poor’s e Fitch) per manipolazione del mercato, e per aver svolto indagini (delle quali è stata poi chiesta l’archiviazione) sulla presunta correlazione tra vaccini e autismo.

“E’ evidente che il treno che è partito per secondo, non doveva partire. Il perché è successo lo stiamo verificando” ha detto il procuratore facente funzioni di Trani, Francesco Giannella, incontrando i giornalisti al termine del vertice con gli investigatori in Procura, sottolineando che quello dell’errore che si è verificato sulla linea Corato-Andria e che ha provocato l’incidente non è l’unico filone su cui si indaga.

“E’ un’indagine molto complessa, a partire dalla dinamica dell’incidente” ha infatti spiegato “ma ci sono anche altre circostanze da verificare”: se sono stati erogati o meno dei finanziamenti per il miglioramento e il raddoppio della linea perché non vi erano sistemi di sicurezza, se su quella linea c’erano già state situazioni critiche che potevano e dovevano mettere in allarme. Il procuratore ha ribadito che allo stato non ci sono nomi iscritti nel registro degli indagati e che ancora non state raccolte testimonianze.

Oltre alle immagini registrate dalle videocamere nelle stazioni gli inquirenti che indagano sullo scontro tra i due treni nelle campagne tra Corato e Andria, hanno acquisito anche quelle delle videocamere di sorveglianza a bordo.

La circostanza è emersa nel corso del vertice in Procura tra investigatori e inquirenti che indagano sulla strage. Almeno uno dei due treni, secondo quanto si apprende, aveva delle telecamere di sorveglianza a bordo e quelle immagini potranno essere utili per ricostruire la dinamica dell’incidente.

(ANSA).

Share Button