Inchiesta Petrolio. De Filippo, si va verso l’archiviazione

Va verso una rapida definizione con richiesta di archiviazione – secondo quando apprende l’ANSA – la posizione del sottosegretario alla salute Vito De Filippo (Pd), indagato nell’inchiesta sul petrolio in Basilicata per il reato di corruzione per induzione a fini elettorali (art.319 quater CP).

Vito De Filippo

Vito De Filippo

Il sottosegretario si é presentato nel pomeriggio di ieri negli uffici della procura di Potenza ed ha chiesto di essere interrogato. Ha risposto alle domande dei pm Francesco Basentini e Laura Triassi, chiarendo tutti gli aspetti che ne hanno determinato l’iscrizione nel registro degli indagati.

Gli si muovono addebiti legati ad un presunto ‘scambio’ di favori con l’ex sindaco di Corleto Perticara (Potenza) Rosaria Vicino (Pd): quest’ultima, alla vigilia di una consultazione elettorale, avrebbe ‘spinto’ in paese per persone della corrente di De Filippo, in cambio dell’interessamento di quest’ultimo per l’assunzione di un figlio della stessa Vicino, in un’azienda impegnata nelle estrazioni petrolifere.

Il sottosegretario, durante l’interrogatorio, ha spiegato tutti i passaggi della vicenda, compreso il senso di alcune intercettazioini telefoniche, al punto – secondo quanto é trapelato – che molto presto i pm chiederanno l’archiviazione della parte di inchiesta che lo riguarda. (ANSA)

Share Button