Operazione Polizia di Potenza. Individuata una banda di etnia rom che rapinava gioiellerie

Svaligiavano gioiellerie su tutto il territorio nazionale e in pochissimi minuti, danni per centinaia di migliaia di euro

Polizia Potenza campo romA seguito di indagini condotte da personale della Polizia di Stato di Potenza e dirette dalla Procura della Repubblica è stata data esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali di custodia cautelare in carcere, disposte dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Potenza nei confronti di due soggetti a Castelvolturno (CE) e nel campo nomadi di Giugliano in Campania (NA), entrambi ritenuti responsabili, in concorso con altri complici in corso di individuazione di più ipotesi di furto aggravato.

Eseguite in collaborazione con agenti di Polizia della provincia napoletana e del Reparto Prevenzione Crimine Basilicata e Campania, una serie di perquisizioni locali e personali (con la finalità di acquisire elementi utili all’individuazione degli altri complici) ed il sequestro di autovetture utilizzate per il compimento dei furti.

“L’indagine” è scritto in un comunicato della Polizia “ha preso corpo a seguito dei gravi ed allarmanti episodi di furto pluriaggravati perpetrati nelle notti del 30 Dicembre 2015 e del 29 Gennaio 2016, con modalità estremamente professionali, ai danni di due gioiellerie del potentino”.

Un primo episodio (quello del 30 dicembre 2015) presso una gioielleria di Picerno in provincia di Potenza e l’altro del  29 gennaio scorso ai danni di una del capoluogo di regione con la sottrazione di preziosi per un valore complessivo di circa 150mila euro.

Share Button