Bari. Muore in campo durante una partita con gli amici. Un defibrillatore forse l’avrebbe salvato

Bari campo di calcioStava giocando con gli amici quando si è accasciato per un malore, ed è morto poco dopo – secondo quanto si apprende – in attesa dell’arrivo dei soccorsi.

Un’altra giovane vita (30 anni) si è spenta l’altra sera a Bari durante un’occasione di sport e divertimento. Forse un defibrillatore non avrebbe vanificato il primo soccorso degli amici ed avrebbe aiutato a tenere in vita il ragazzo fino all’arrivo del 118.

L’obbligatorietà dei defibrillatori in tutte le strutture sportive come quella in cui è accaduto il tragico incidente in molti casi puo’ salvare la vita. L’azione delle istituzioni è importante, ma dovrebbe essere accompagnata da una massiccia campagna informativa, dal momento che dotarsi di questo apparecchio non è difficile, come non è difficile anche imparare ad utilizzarlo – basta un’ora di formazione.

La scorsa settimana nel brindisino, un ragazzino di 11 anni è stato colto da malore a scuola e salvato dai docenti proprio grazie all’impiego di un defibrillatore.

Share Button