Pomarico incontra San Giuliano del Sannio

palazzo marchesale pomaricoDel nostro patrimonio culturale, sia nazionale ma soprattutto regionale, fa parte tutto ciò che conosciamo ma ancor di più ciò che non conosciamo. Come la figura di Giuseppe Camillo Giordano, uno dei primi biologi italiani, nato nel 1841 a Pomarico e morto all’età di 60 anni nello stesso paese, che ha condiviso parte delle sue scoperte con Nicolantonio Pedicino, anch’egli biologo, originario di San Giuliano del Sannio nel Molise. E ieri queste due figure sono state il motivo di un gemellaggio tra i paesi natii degli scienziati, avvenuto nel Palazzo Marchesale a Pomarico. Diversamente dalla consuetudine istituzionale, l’incontro tra le due comunità ha prima l’intento di costruire un rapporto umano per poi creare un piano di lavoro per costruire vari percorsi culturali e turistici; e solo allora le rispettive amministrazioni sigleranno un “protocollo d’intesa”.

Anello di congiunzione tra le rappresentanze istituzionali dei due paesi e ideatore dell’incontro è stato Gianni Palumbo, rappresentante dell’associazione dedicata allo scienziato pomaricano, che confidando positivamente nell’amicizia tra le due comunità ha ricordato come “le regioni di Basilicata e Molise, abbiano in comune non soltanto difficoltà ma soprattutto personaggi di cultura e storia che possono risollevare le sorti dei territori comuni”.

Prossimo appuntamento per l’iter iniziato a Pomarico è il viaggio che porterà una delegazione cittadina per conoscere l’intera comunità sangiulianese e ripercorrere le orme di Giuseppe Camillo Giordano, così da poter arricchire quel palmarès culturale lucano ancora forse sconosciuto.

Share Button