Anno giudiziario. Basilicata tra le regioni a più alto rischio usura.

Tribunale, Procura di Potenza”La Basilicata si conferma tra le regioni meno a rischio di criminalità paramafiosa e comune” ma, di contro “tra le regioni a più alto rischio per l’usura”. Lo ha detto, stamane a Potenza, il procuratore generale presso la Corte d’Appello di Potenza, Massimo Lucianetti, nel corso della cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario.

Al centro del dibattito le difficoltà del sistema giustizia che risente della carenza di fondi e di una riorganizzazione della geografia giudiziaria. ”Pubblica riconoscenza – ha detto Lucianetti – verso i magistrati e verso il personale degli uffici, per l’abnegazione con cui sono riusciti, anche nell’anno appena trascorso, a contenere entro un modestissimo 5,8% l’incremento delle complessive pendenze”. Naturalmente, si è parlato anche dell’eventuale soppressione della Corte d’Appello di Potenza, che ”priverebbe la Basilicata di un rilevante e imprescindibile presidio”.

Lucianetti ha parlato poi di ”spregiudicata immoralità” e di ”accattonaggio di pubblico denaro” con un ”corto circuito del sistema democratico” fatto di ”criminalità organizzata, politici, amministratori pubblici e pubblici ufficiali, avvinti nella loro ingegnosa e sistemica battaglia contro lo Stato”. 

Alla cerimonia è inetervnuto anche il Presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, che ha parlato ”dell’inutilità della riforma delle macroregioni”, dal momento che ”risparmi e razionalizzazioni – ha detto – si possono attuare senza annessioni o abolizioni di presidi”.

E sugli appelli alla legalità lanciati nel corso della cerimonia, Pittella ha risposto spiegando che ”non servono altre leggi ma la responsabilità delle istituzioni”.

Share Button