Registro Tumori Basilicata. Incidenza tumorale sotto la media nazionale.

2L’incidenza tumorale in Basilicata è inferiore alla media nazionale ed in linea con le regioni meridionali. Questo dicono i dati al 2009 del Registro Tumori della Basilicata. Potenza e il Vulture Alto Bradano sono le aree con la maggiore incidenza; il Lagonegrese- Pollino è invece la zona con la minore.

E’ quanto ha detto stamane il dott. Rocco Galasso, responsabile del registro tumori lucano, nel corso dell’audizione in IV Commissione consiliare regionale, presieduta dal dott. Luigi Bradascio.

Galasso ha fatto il punto sullo stato di attuazione del registro. L’ultimo aggiornamento risale al 2010, collocando la Basilicata tra le più virtuose d’Italia. Sono solo altri 6 infatti, i registri redatti a quella data.

Ma cosa fa un registro tumori? Conta quanti nuovi casi su numero di residenti si verificano ogni anno e viene stilato raccogliendo i dati delle cartelle cliniche. “Questo rappresenta un problema per la Basilicata, – ha spiegato Galasso – in quanto la regione è caratterizzata da una discreta mobilità oncologica”, vale a dire che i pazienti dopo la diagnosi decidono di curarsi fuori regione.

Il registro tumori inoltre, non dà risposte sulle cause dell’insorgenza tumorale. I numeri possono solo aiutare a formulare delle ipotesi ma non indicano quali sono le correlazioni tra la malattia e l’ambiente circostante, per le quali servono studi mirati. In altri termini un’indagine epidemiologica che, stando agli stanziamenti dell’ultima finanziaria regionale (1 milione e 500 mila euro), dovrebbe partire quest’anno.

Intanto, gli ultimi dati del registro tumori sono a disposizione sul sito dell’Ircss Crob.

Share Button