Operazione “All’ombra del santo”. Eseguite otto misure cautelari personali.

OPERAZIONE all'ombra del santoPOTENZA – Su ordine della Procura della Repubblica di Napoli, nelle prime ore di questa mattina la Polizia di Stato di Potenza ha eseguito otto misure cautelari personali, per responsabili del reato di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti del tipo eroina, cocaina, hashish, e marijuana.

Si tratta di De Rosa Giovanni, Colangelo Vito e Porzio marco, in carcere; Lorato Luigi, Viola Flavio e Attrattiva Luigi, agli arresti domicialiari; Salvia Laviero, sottoposto a divieto di dimora a Tito; ed un ottava persona, un giovane potentino, in merito al quale non sono stati forniti dettagli.

Le indagini, partite nel 2013 da una specifica attività info-investigativa, condotta di iniziativa dalla Squadra mobile di Potenza, hanno evidenziato l’esistenza nel territorio della provincia di un numero significativo di spacciatori di sostanze stupefacenti, i cui canali di approvvigionamento continuano ancora ad essere riconducibili alla città di Napoli.

Le sostanze stupefacenti, prevalentemente eroina e cocaina, pagate a 13-15 Euro la dose, venivano rivendute ad acquirenti di Tolve (di cui il nome dell’operazione) e Potenza, ad un prezzo oscillante dai 35 ai 40 euro ed in qualche caso fino ai 50 euro; nel caso invece dell’hashish e marijuana, il prezzo di acquisto variava da 4 a 5 euro al grammo, per essere poi rivenduto da 6 a 10 euro al grammo.

L’eroina veniva trasportata in cilindretti in plastica di colore bianco, occultate all’interno degli abitacoli degli autoveicoli impiegati oppure nel vano motori, in quantità variabile tra i 20 e 50 per volta, corrispondenti, a seconda del titolo di principio attivo, a 50-250 dosi circa.

I dettagli dell’operazione sono stati forniti stamane in una conferenza stampa, nel corso della quale è stato anche reso noto il numero degli indagati pari a 25.

Share Button