Petrolio, occupazione, salute e sicurezza. A Viggiano un tavolo tra sindaci, Regione e compagnie.

Centro+Olii+Viggiano“Comincia a prender forma un fermento nuovo che vede protagonisti i Sindaci della Val d’Agri, il mondo associativo e il popolo”. E’ quanto scrive il sindaco di Viggiano, Amedeo Cicala, in una nota stampa che annuncia un tavolo di lavoro per la prossima settimana in Val d’Agri.

Il 25 settembre infatti, i sindaci della valle, la Regione, le compagnie petrolifere e le ditte dell’indotto presenti sul territorio si incontreranno per discutere di occupazione, ambiente, salute, e sicurezza dei cittadini. Temi questi da tempo al centro del dibattito pubblico lucano, ma che ora, in seguito allo Sblocca energia varato dal governo, sono prepotentemente all’attenzione del territorio, che cerca di fare fronte comune, senza timore di essere considerato composto solo “da comitatini” come provocatoriamente si legge in testa al comunicato.

Il sindaco nella nota richiama anche la lettera scritta di suo pugno proprio al Premier Renzi “per evitare che passasse l’idea che la regione volesse esimersi dalla responsabilità di venir incontro alle necessità energetiche della nazione”, sottolineando però lo sforzo che la Val D’Agri già compie e rispetto al quale è richiesta maggiore attenzione.

Il prossimo giovedì dunque si svolgerà l’atteso tavolo. “Siamo alla ricerca – continua Cicala nella nota – di un dialogo proficuo e senza pregiudizi, una volontà di condivisione su una serie di principi non negoziabili”.

Share Button