Montalbano Jonico. E’ al quarto giorno di sciopero della fame il sindaco Devincenzis

La stanza del sindaco di Montalbano

La stanza del sindaco di Montalbano

MONTALBANO JONICO – “Siamo giunti al 4° giorno della fame del Sindaco Vincenzo Devincenzis e senza avere ancora nessuna certezza sul futuro della vicenda delle reti idriche e fognarie del nostro Comune, poiché ancora non abbiamo certezza sulla emissione dei mandati e quindi il discorso andrà ancora per le lunghe, a meno che Acquedotto Lucano non avvii un contatto diplomatico con l’impresa a cui va detto, come è stato detto allo scrivente ed anche attraverso i social network, della certezza del pagamento e l’impresa stessa coscientemente riprenda i lavori. Ma questo certamente non ci dà certezze; speriamo”.

Lo scrive lo stesso sindaco in una nota: “Intanto certamente passeranno Sabato e Domenica e non accadrà nulla, quindi dobbiamo aspettare fiduciosamente la prossima settimana per cominciare magari a vedere ‘una luce nel tunnel’. Naturalmente anche Sabato e Domenica continuerò a rimanere nella mia stanza a continuare la mia battaglia di civiltà in una Regione dove la Politica e l’apparato si assimilano al Pirellone dimenticando che amministrano soltanto una Regione che ha lo stesso numero di abitanti di una ‘favelas’ di Rio de Janeiro”.

“Colgo positivamente” conclude Devincenzis “e con piacere la solidarietà espressa dal prof. Leonardo Giordano, Sindaco mio predecessore, che responsabilmente ha voluto farmi visita mercoledì 2 luglio nella mia stanza del Comune condividendo lo spirito della mia azione. Naturalmente, a mia scienza, era utopico coinvolgere altre forze politiche e ragionare su un gesto estremo, quale lo sciopero della fame trattandosi del sacrificio di chi ne decide il percorso.
Questa disparità di veduta può essere certamente superata e proseguire insieme questa battaglia di civiltà, come avvenuto già nel passato, a favore dei nostri Montalbanesi”.

Share Button