Tecnoparco. Mozione di Benedetto in Consiglio regionale. Rinviata votazione

Consiglio RegionaleLa questione Tecnoparco, legata alle emissioni odorigene nell’area di Pisticci Scalo, alla fine è arrivata in Consiglio regionale, concludendosi però in un nulla di fatto ad eccezione di una bagarre in aula.

Ieri pomeriggio infatti, nel corso della seduta, il consigliere Nicola Benedetto avrebbe presentato una mozione (sottoscritta in aula anche dai consiglieri Mollica, Leggieri e Perrino) sull’impianto di depurazione della società Tecnoparco Valbasento. Con il documento il Consiglio impegna la Giunta “a sospendere, in via cautelativa, l’arrivo di reflui destinati a Tecno Parco di Pisticci Scalo fino a definizione delle cause che provocano gli accertati miasmi”. Ma la votazione sulla mozione è stata sospesa a causa della mancanza in consiglio del numero legale e dunque rimandata alla prossima seduta.

Nel dibattito sono intervenuti in tanti a partire dal capogruppo Pd, Cifarelli il quale ha sollecitato il parere della Giunta, proponendo di approfondire in Commissione tutte le problematiche. Dal suo canto l’assessore Berlinguer ha illustrato l’esito dell’ultimo tavolo della trasparenza, tenutosi il 23 giugno scorso, durante il quale sia Arpab che Tecnoparco hanno proposto un cronoprogramma di attività per ridurre le emissioni odorigene. Nell’ultimo incontro infatti – lo richiamiamo – il tema è stato quello della copertura di tutte le vasche dell’impianto a partire dal percolatore primario che, secondo gli impegni assunti da Tecnoparco, dovrebbe avvenire nell’arco di un mese. A questo intervento si aggiungerebbero poi una serie di attività di monitoraggio dell’aria, con particolare attenzione alle rilevazioni di H2S.

La mozione del consigliere Benedetto che non ha avuto esito ieri, tornerà in Consiglio durante la seduta convocata per domani.

Share Button