Crollo a Matera. Esecutivo il sequestro degli immobili di vico Piave

IL PM che coordina le indagini (Annunziata Cazzetta)

IL PM che coordina le indagini (Annunziata Cazzetta)

MATERA – Proseguono e a ritmo serrato le indagini relative al crollo della palazzina di vico Piave, da parte degli uomini del comando di Matera dei Carabinieri.

Al vaglio degli inquirenti i carteggi prodotti dagli uffici comunali ma anche le autorizzazioni sui lavori che hanno interessato lo stabile nelle settimane precedenti al crollo.

A supporto delle indagini anche dettagliate riprese fotografiche di tipo aereo. Ed oltre ai rilievi fotografici, si scaverebbe metaforicamente, nella storia recente degli immobili e delle crepe sui muri. Anche questo è un versante aperto sul quale gli investigatori avrebbero focalizzato l’attenzione.

Non si esclude nessuna pista e nulla è dato per scontato sui motivi, e sulle conseguenti responsabilità che sono ancora tutte da accertare in un ampio quadro investigativo che il PM Annunziata Cazzetta dovrà “svolgere” e dipanare.

Intanto il registro delle persone indagate vedrebbe diversi iscritti. Ma queste, per il momento sono solo indiscrezioni. Quel che è certo è che i militari dell’Arma hanno reso esecutivo il decreto di sequestro che congela gli immobili di vico Piave per evitare che qualcuno, anche accidentalmente possa “inquinare” il teatro delle indagini.

Share Button