Ergastolo per il materano Domenico Martino

Schermata 2013-03-27 alle 12.01.51Per il materano Domenico Martino pena confermata. I giudici della Corte d’Assise di Potenza lo hanno condannato alle pena dell’ergastolo per l’omicidio di Daniel Florian Iliescu e di Francesco Di Cuia. Teatro del tragico fatto di sangue fu via Gagarin, una strada del centro cittadino di Matera.

I fatti presi in esame dalla Corte, presieduta da Marica De Angelis, risalgono alla sera del 27 giugno del 2010. Martino, Iliescu e Di Cuia si incontrarono in quell’angolo di città e presero a discutere animatamente. Al centro del duro confronto tra i protagonisti della vicenda una ragazza, Veronica Nicoletti, ex compagna del giovane rumeno. Con loro c’era anche Vincenzo Canora sfuggito alla mattanza dopo che Martino, uccisi Iliescu e Di Cuia, gli impose il silenzio sull’accaduto per non correre rischi. Iliescu, secondo la ricostruzione dei fatti, si sarebbe appartato con la ragazza per un chiarimento. Fu allora che Martino uccise il rivale. Stessa sorte per Di Cuia.

La tesi della Procura è stata contestata dai difensori di Martino, gli avvocati Nicola Buccico e Cosimo Pantaleo, che hanno ritenuto contraddittorie in molti punti le testimonianze. Tuttavia i giudici della Corte d’Assise hanno accolto le tesi dell’accusa rappresentata dal Pubblico Ministero della Procura di Matera, Annunziata Cazzetta. Martino è stato come si è detto condannato all’ergastolo e al risarcimento dei danni nei confronti delle parti civili.

Share Button