Rapina in una tabaccheria nel materano, due arresti ed un rinvio a giudizio

caserma_dei_carabinieri_di_matMATERA – Traditi dalle ricariche telefoniche, parte delle refurtiva che erano riusciti a sottrarre alla titolare di una tabaccheria, di una frazione del paese di Tursi, una anziana ultrasettantenne, vittima di ben due rapine, una in appartamento e una nella sua attività, praticamente adiacenti. È così che i carabinieri della compagnia di Pisticci sono riusciti a risalire ai tre autori del furto, poco meno che trentenni, che nel mese di maggio del 2009 avevano sottratto all’anziana signora circa 6mila euro, fra sigarette, schede e denaro. Per due di loro, già pregiudicati, è stata emessa l’ordinanza di custodia cautelare. Il terzo è stato rinviato a giudizio, per concorso in rapina e furto aggravato. I dattagli dell’operazione sono stati resi noti, questa mattina, a Matera, nel corso di una conferenza stampa che ha avuto luogo all’interno del Comando Provinciale dell’Arma. L’esito dell’indagine, durata diversi mesi, hanno ribadito i marescialli Cosimo Campa e Giuseppe La Selva, della compagnia di Pisticci, è stato il frutto di una vera e propria osmosi fra i comandi. Una operazione abbastanza complessa, hanno sottolineato, che dall’uso delle ricariche telefoniche, che si verificavano quasi esclusivamente a Craco, ha consentito di risalire ai telefoni. Proprio con riferimento al paese di Craco, inquieta, è stato ribadito, lo squilibrio fra la popolazione e i reati.

Share Button